Sentenza giusta?

11 giugno 2019 – Il tempo ancora incerto, questa estate fatica a farsi spazio in mezzo alla pioggia che è ancora presente in questi giorni. La nostra panchina appena può si gode il sole di giugno e le calde giornate gustandosi un ghiacciolo e una bibita fresca e nel frattempo continua a discutere di politica, nel week end appena trascorso la protagonista è stata ancora politica con i 136 comuni al ballottaggio. Altro argomento molto discusso è stato l’arresto di Marco Carta, cantante diventato famoso grazie al talent show di Maria De Filippi: “Amici”. Il cantante è stato sorpreso in compagnia di una 53enne a rubare delle magliette, per il valore di 1200 €, in un famoso negozio del centro milanese. Un gesto che sicuramente stupisce!

Un ragazzo che ha avuto fortuna grazie alla televisione e al suo amore per la musica, che ha venduto molti dischi, ha fatto concerti, partecipato a molti programmi televisivi e di sicuro avrà ricevuto dei buoni compensi per tutto ciò, ha davvero bisogno di rubare? Come mai, proprio lui che è un personaggio famoso, ammirato da tante ragazzine e che quindi dovrebbe essere un esempio per loro si riduce a sottrarre dei capi di abbigliamento da un centro commerciale? Non sarebbe stato più semplice passare alla cassa a pagare? Ma la cosa che fa riflettere ancora di più è la sentenza del giudice di Milano che ha assolto il cantante per carenza di gravità indiziaria. La sentenza sarebbe stata la stessa se al posto di un cantante famoso ci fosse stato un semplice ragazzo magari con qualche difficoltà economica? Sono curioso di conoscere il tuo pensiero.

Grazie
Dino Aci

LA PANCHINA – In tutte le piazze c’è almeno una panchina dove le persone si siedono e parlano in libertà. Non è raro che a fianco del chiacchiericcio e del pettegolezzo si discuta anche di questioni serie: politiche, economiche e sociali. Si trae spunto sia da faccende locali sia da argomenti appresi dalla televisione o dai giornali. DINO è un frequentatore di questa panchina e, senza l’arroganza di sentirsi un opinionista e senza gli strumenti di un approfondimento giornalistico, cercherà invece con intelligente ironia ed un po’ di furbizia, quella sana tipica di noi gente di paese, di permetterci di sederci con lui su quella panchina per allargare la discussione. Dino vi aspetta... 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: